Garage

L'attrezzatura giusta per affrontare la brutta stagione

Chi l’ha detto che a ottobre la moto si mette via? Di sicuro non uno che si definisce un all-season biker, uno che dotato della giusta attrezzatura affronta la brutta stagione con il sorriso sotto al casco.

 

L'attrezzatura giusta per affrontare la brutta stagione

 

In effetti non sono poi molti i consigli e gli stratagemmi più o meno tecnici che ciascun motociclista può adottare per i mesi più freddi e piovosi. Oggi la tecnologia ci fornisce un valido aiuto che qualche anno fa non esisteva. Le maglie termiche hanno sostituito i vecchi fogli di giornale, le manopole riscaldate aiutano a mantenere attiva la circolazione nelle estremità delle mani, e via dicendo.

 

Ecco allora alcuni suggerimenti, forse un po’ scontati, ma in fin dei conti sempre utili:

 

Casco integrale: nei mesi invernali è sempre meglio usare il casco integrale, anche per gli spostamenti più piccoli. Oltre a ripare meglio dall’aria fredda, in caso di pioggia ci risparmierà dolorosi incontri ravvicinati con le gocce d’acqua. Altro consiglio importante è quello di montare una visiera antiappannamento o comunque di verificare il corretto funzionamento delle prese d’aria del casco.

 

Stivali e sovrascarpe antipioggia: se fate lunghi spostamenti lo stivale in pelle, possibilmente con rinforzi in Gore-Tex sono un’ottima arma contro freddo e pioggia. Se invece i vostri spostamenti sono più brevi e non usate gli stivali, allora tenete sempre con voi i sovrascarpe impermeabili. Sono sottili, leggeri e facilmente trasportabili nel portaoggetti o nel bauletto.

 

Tute antipioggia: vanno bene, ma devono essere di qualità perchè spesso si trovano sul mercato prodotti non all’altezza e che lasciano entrare infiltrazioni, soprattutto nei punti di giuntura.

 

Guanti: primo suggerimento, perdete qualche minuto ad indossare bene il guanto sovraponendolo alla manica, in modo da tener l’acqua fuori. Un guanto impermeabile al 100% è davvero difficile da trovare, quindi bisogna ingegnarsi con altre soluzioni, ad esempio abbinarli a guanti in lattice sotto oppure ai gusci in nylon usati dagli snowboarder.

 

E poi tanta passione, che come sappiamo bene, tiene caldi anche nelle giornate più gelide!!

OCGarage, arte in movimento in mostra a Milano

OCGarage, l’officina/garage specializzata in personalizzazioni, “sbarca a milano” e da mercoledì 25 settembre e fino a metà ottobre, le opere di arte in movimento saranno al motoquartiere presso il KD Store.

 

OCGarage, arte in movimento in mostra a Milano

 

OCGarage mostrerà al pubblico milanese le sue opere su due ruote, vere e proprie creazioni di stile e raffinatezza che fanno da scuola per tutti coloro che amano il tuning e la personalizzazione.

 

Nella mostra le moto saranno abbinate agli oggetti d’arte e di arredamento create dall’artista Tasso. Il tutto si svolgerà presso l’ormai storico KD store di proprietà di Desiderio Pavoni, uno dei promotori dell’idea motoquartiere.

 

Ecco alcune delle più famose realizzazioni di Oscar Tasso: OCGarage

Come riconoscere la classe antinquinamento Euro

Come ogni inverno, anche quest’anno entreranno in vigore dal 15 ottobre fino al 15 aprile le restrizioni antinquinamento che la Regione Lombardia ha disposto per la circolazione dei mezzi più inquinanti. Il fermo è in vigore dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30.

 

Come riconoscere la classe antinquinamento Euro

 

Possono circolare i motoveicoli e ciclomotori dotati di motore a quattro tempi anche se omologati precedentemente alla direttiva n. 97/24/CEE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 giugno 1997, relativa a taluni elementi o caratteristiche dei veicoli a motore a due o tre ruote, cosiddetti euro 0 o pre-Euro 1. I motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 non possono circolare (allegato 1 alla D.G.R 9958/09), mentre le restanti tipologie di ciclomotori e motocicli a  due tempi possono circolare.

 

Ma come fare a comprendere a quale classe antinquinamento il nostro veicolo appartiene? Ecco una pratica tabella che rende chiara la situazione:

 

Denominazione N. di riferimento della normativa
Euro 1 immatricolati dopo il 17/06/1999 97/24 CE cap. 5 e cap.9
Euro 2 Omologati dopo il 17/06/2002 o immatricolati dal 01/01/2003 97/24 CE cap. 5 faseII e cap. 92002/51/CE fase A e 97/24/CE cap. 9 2003/77/CE ri. 2002/51/CE fase A e 97/24/CE cap. 9
Euro 3 Omologati o immatricolati dopo il 01/01/2006 2002/51/CE fase B 97/27/Ce cap. 92003/77/CE rif. 2002/51/CE fase B e 97/24/CE cap. 9

 

Se sul vostro libretto di circolazione si fà riferimento a delle normative non presenti nella tabella è possibile verificare con il numero di targa la corrispondenza dal sito ACI .

Come calcolare il premio della tua polizza moto

Scegliere la polizza assicurativa può rivelarsi per molti un problema: le tante offerte, la varie condizioni da tenere in considerazione, la valutazione dell’utilizzo del proprio mezzo e gli obblighi di legge creano una vera e propria foresta di contratti dove spesso ci si perde o si finisce per fare la scelta sbagliata gravando sulle proprie finanze.

assicurazione-moto

 

Le compagnie assicurative utilizzano diversi fattori per il calcolo della polizza moto, definiti come oggettivi e soggettivi, e che determineranno poi il premio finale da pagare. Una volta individuati questi fattori, la scelta migliore è quella di calcolare sui siti di comparazione l’assicurazione moto che fa al caso nostro, confrontando i preventivi per trovare quello più economico.

 

Ma cosa si intende per fattore soggettivo o oggettivo? I fattori soggettivi si riferiscono alle caratteristiche proprie del conducente: età (un conducente giovane è considerato più a rischio e pagherà un premio più alto), residenza (alcune città sono infatti considerate più a rischio incidente e furti – Napoli ad esempio è una delle città più care mentre Aosta la più economica) e classe bonus malus, che tiene in considerazione i trascorsi di chi sottoscrive l’assicurazione sulla base del numero di incidenti avuti, ovviamente i più virtuosi pagheranno premi più bassi.

 

Tra i fattori oggettivi troviamo invece la cilindrata (con un rapporto direttamente proporzionale – grossa cilindrata, alta polizza), il modello e il massimale (ovvero il livello massimo che può essere risarcito per danni provocati a terzi). In linea di massima comunque le moto sono considerate un mezzo più a rischio rispetto a un’automobile e per questo il preventivo è solitamente più caro.

 

Assicurare la propria moto è sicuramente oneroso, ma oltre a essere un metodo preventivo in caso di incidente, è un obbligo di legge. Il non rispettarlo può avere infelici conseguenze: il sequestro del mezzo, multe che possono arrivare a quasi 3000 euro e tante altre sanzioni

L'estate su due ruote: riattivata l'assicurazione temporanea?

E’ arrivata l’estate e con essa la voglia di muoversi sulle due ruote: un binomio perfetto, anche in ambito assicurativo!

moto estate

Infatti non molti lo sanno, ma per tutti coloro che rispolverano moto o motociclo solo con la bella stagione il risparmio sulle polizze è assicurato: le compagnie infatti hanno capito il trend, e ancora di più rispetto a come succede con le automobili, è possibile creare una propria assicurazione, ad hoc e a misura delle proprie esigenze di utilizzo e di risparmio.

E’ importante perciò muoversi con destrezza nel mare magnum assicurativo e cercare, specialmente sul web, le offerte più intelligenti: infatti l’assicurazione on line è uno dei metodi più veloci e convenienti che abbiamo per confrontare, richiedere un preventivo o stipulare un contratto. Comodamente a casa nostra.

 

Ma vediamo ora i vantaggi delle assicurazioni temporanee – ideali per l’uso estivo della moto, è una polizza che copre le spese solo per il periodo di tempo pattuito e questo si traduce in un enorme risparmio, evitando di pagare il prmio durante i mesi di inutilizzo.Esistono opzioni trimestrali, semestrali o completamente personalizzabili, a giorni.

 

Gli svantaggi? Franchigie molto alte, che la compagnia assicurativa pretende come copertura nel caso in cui l’utilizzo del veicolo ecceda i limiti e le modalità previste dalla polizza.

 

Per tutti coloro che hanno appena tirato fuori il bolide dal garage, o per quelli che stanno cercando una nuova moto o motorino per gli spostamenti estivi, il consiglio è dunque quello di verificare, confrontare e… Risparmiare!

I 5 consigli fondamentali per scegliere il migliore preventivo online per la nostra moto

preventivo-assicurazione-motoIl web è pieno di offerte di diverse compagnie di assicurazioni per le moto, e chi avesse bisogno di un preventivo ha solo l’imbarazzo della scelta: proprio questa abbondanza di informazioni però, rischia di mettere in difficoltà il proprietario di una moto che spesso non sa da quale parte cominciare, e ha bisogno di consigli sulla polizza più adatta alle proprie esigenze. A questo si aggiunge il fatto che le compagnie offrono le polizza più disparate, da quelle temporanee – valide solo per una parte dell’anno –  a quelle associate all’assicurazione dell’auto, passando per offerte di benvenuto riservate ai nuovi clienti e garanzie accessorie a prezzi molto competitivi.

 

Ecco quindi qualche consiglio per risparmiare:

 

– non focalizzarsi su un solo portale di assicurazioni. E’ consigliabile consultare più preventivi, come quelli offerti ad esempio da questo sito, e ovviamente tenere presente quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere la propria polizza ideale. Spesso le compagnie offrono garanzie e coperture aggiuntive che effettivamente non sono strettamente necessarie, come la polizza furto e incendio, che fanno lievitare il prezzo del premio assicurativo;

 

residenza: chi è residente in una grande città dovrà fare i conti con un prezzo più alto: può essere utile inserire nel form del preventivo i dati di un parente residente in un paese di provincia;

 

età: intestare la polizza a una persona che non ha ancora compiuto 26 anni farà aumentare il prezzo del premio: potrebbe essere opportuno inserire i dati di due guidatori (il proprietario e un altro guidatore della moto);

 

assicurazione temporanea: chi non utilizza la moto tutto l’anno può optare per tariffe semestrali o trimestrali, specifiche e pensate esclusivamente per l’assicurazione temporanea della moto, che permettono di risparmiare (ma la copertura assicurativa è valida solo nel tempo stabilito dal contratto);

 

opzione unico guidatore: se la moto è utilizzata esclusivamente dal proprietario, conviene specificarlo nella polizza, che coprirà esclusivamente il veicolo e quella persona.

 

Una GSX-R animata che si costruisce da sola

La genialità di questo video in cui una Suzuki GSX-R si costruisce da zero “da sola” è veramente infinita. Una sequenza di fotogrammi montati con una tecnica da cartone animato rende davvero divertente questo video, un po’ datato, ma sempre riproponibile.

Una GSX-R animata che si costruisce da sola

Ci sarebbe da risparmiare una sacco di soldini di manodopera se le moto e i pezzi di cui sono fatte, fossero animati e potessero assemblarsi da soli. Ovviamente questo non farebbe la felicità dei nostri meccanici…

Godetevelo!

Foto: youtube.com

Domande sull’articolo? Contatta la redazione