Valentino Rossi: “La vittoria al Mugello è una questione d’onore”



Il Dottore non usa mezzi termini, al Mugello l’obiettivo è vincere

Non sarà affatto semplice, ma almeno sulla carta Valentino Rossi punta indiscutibilmente al bottino pieno sul tracciato più spettacolare del mondo, che tante volte lo ha visto trionfare, sette volte consecutive nelle annate 2002-2008. Una questione d’onore, insomma, un po’ perchè da sempre questo (e non solo per Vale) è il gran premio di casa, un altro po’ perchè quello di domenica sarà il Gp numero 300 per il nove volte Campione del Mondo.

Valentino Rossi- La vittoria al Mugello è una questione d'onore

Quali sono gli ostacoli che Rossi dovrà superare?

Rossi dovrà dunque scendere in pista determinato a lasciarsi alle spalle un bel po’ di “problemi”: lo ‘zero’ dello scorso anno, quando cadde al primo giro, l’esuberanza di un Marc Marquez che di certo non starà a guardare, ma punterà alla sesta vittoria stagionale, un compagno di squadra Jorge Lorenzo che, alla ricerca della forma psico-meccano-fisica (passatemi il termine) perduta, potrebbe ritrovarla proprio sul circuito toscano, dove ha vinto nelle ultime 3 edizioni.

Le dichiarazione del nr 46 all’arrivo in circuito

Sono molto felice di andare al Mugello. È una bellissima pista e mi piace tantissimo. In palio ci sono sempre 25 punti come nelle altre gare, ma il Mugello è una questione d’onore. Jorge ha vinto le ultime tre edizioni con la Yamaha, facendo gare fantastiche, questo sta a significare che la M1 è molto competitivo su questa pista. Questo fine settimana per me sarà il mio GP numero 300 e non ne sono particolarmente felice: perché vuol dire che sono vecchio! Ma sono in gran forma e posso ancora essere molto veloce.

Leave a Comment