Davide Brivio

Suzuki in MotoGp, definiti i nomi dei piloti

Davide Brivio e Suzuki, il binomio per il rientro in MotoGP

Il progetto di rientro del marchio Suzuki in MotoGp procede nella direzione che i vertici dell’azienda e Davide Brivio hanno impostato mesi fa, con un grande lavoro di sviluppo della moto (guarda i video dei test). Sembra che ora si siano definiti anche i nomi dei piloti che saliranno in sella alle XR-X1 nella prossima stagione.

i piloti per il rientro Suzuki in Motogp

Mercato piloti MotoGP, il mosaico è quasi definitivo

In questi giorni in cui il mercato piloti è l’elemento di principale interesse (visto che le gare ormai generano ben poche emozioni…), si sono definiti parecchi tasselli importanti, tra cui le conferme di Pedrosa in Honda, di Rossi e Lorenzo che restano con la Yamaha, e del trio dei ducatisti Dovizioso, Crutchlow e Iannone.

I piloti Suzuki nella stagione 2015

Anche Suzuki quindi ha potuto procedere con l’individuazione e la quasi formalizzazione dei propri piloti: i nomi di Aleix Espargaro e Maverick Vinales infatti dovrebbero essere praticamente definitivi. Nomi niente affatto secondari se pensiamo che il primo è campione della categoria CRT dello scorso anno e primo della categoria Open di quest’anno, mentre il secondo è Campione del Mondo in Moto3 nel 2013 e attualmente terzo alle spalle di Rabat e Kallio nel mondiale Moto2.

La Suzuki XR-X1 debutterà quest’anno a Valencia, in occasione dell’ultimo GP stagionale. E poi via con le ultime modifiche primi dei test collettivi 2015.

Kevin Schwantz in sella alla Suzuki MotoGP

Ad Austin Kevin Schwantz prova la Suzuki XRH-1

Nel 2015 Suzuki prevede il rientro in grande stile nella massima competizione mondiale di moto e da molti mesi sta portando avanti un vasto programma di sviluppo della nuova moto la XRH-1 (nome ancora provvisorio). Vi avevamo fatto vedere i video (guardali qui) ed ora anche Kevin Schwantz dà il suo contributo proprio ad Austin.

Test MotoGP Suzuki Austin 2014 Schwantz 15.jpg_2000

Il programma di lavoro del team Suzuki

Non si hanno molte notizie sul programma di lavoro che Davide Brivio e compagni stanno seguendo. Probabilmente in questa fase si starà procedendo ai test di componenti e assetti, che insieme al fatto di macinare più km possibile soprattutto su un circuito a loro sconosciuto, daranno dati utili ai tecnici per i futuri sviluppi. Suzuki continuerà inoltre a provare in Argentina e a Barcellona.

Tali sviluppi porteranno il team a Valencia a fine stagione 2014 come wild card, in concomitanza proprio con l’ultimo appuntamento del calendario MotoGP. Sarà questo un ottimo e importantissimo banco di prova per misurare i progressi fatti non solo nei confronti del cronometro.

I commenti di Schwantz e Davide Brivio

Il Campione del Mondo della 500 ha trovato la moto facile e priva di comportamenti anomali, con un’elettronica che lavora bene: “Ero nel rettilineo di ritorno, in quinta a circa 250 km/h e mi sono detto: Non si può impennare qui! L’abilità di strizzare la leva del freno anteriore e appenderti all’interno della moto, lei andrà dove vuoi.”

Ecco invece i commenti di Davide Brivio: “L’elettronica è una delle voci principali su cui lavoreremo perchè a Sepang non era ancora pronta. Ora abbiamo deciso di iniziare lo sviluppo: così qui ad Austin abbiamo un nuovo aggiornamento, una nuova versione del software, sulla quale nel frattempo abbiamo lavorato in Giappone. Un altro obiettivo importante del test è quello di conoscere questo tracciato e raccogliere i dati per il prossimo anno, poiché non siamo mai venuti qui a girare prima d’ora. Quindi abbiamo bisogno di impararlo e cercare di essere pronti per quando torneremo a correre nel 2015. Il nostro piano è quello di tornare in qualità di ‘Factory’, ecco perchè stiamo sviluppando il nostro software che poi useremo il prossimo anno, mentre nel 2016 passeremo a quello standard.”

Rientro Suzuki in MotoGp, i video report dello sviluppo in pista

Suzuki tornerà alle massime competizioni in MotoGP nel 2015, ma lo sviluppo della nuova XRH-1 procede da parecchi mesi su diversi tracciati in giro per il mondo.

 

Rientro Suzuki in MotoGp, i video report dello sviluppo in pista

 

Le cose non sembrano andar male, anzi, i tempi fatti registare a Barcellona e ad Aragon erano molto buoni, con distacchi nell’ordine del secondo dai best lap delle moto più veloci (Yamaha e Honda). Davide Brivio procede dunque nel suo lavoro di sviluppo insieme a Randy De Puniet. Il progetto si preannuncia competitivo, sia per le persone che ne fanno parte, sia per i grossi capitali che la casa di Hamamatsu sta investendo.

 

Vi riproponiamo qui i primi 3 video report dello sviluppo in pista della moto:

 

Video Report #1

 

Video Report #2

 

Video Report #3

 

Video Report #4

È ufficiale, Suzuki rientra in MotoGP nel 2015

La notizia è finalmente confermata, Suzuki rientra ufficialmente nelle massime competizioni della MotoGP nella stagione 2015. Il test team ha provato per la prima volta la moto ieri sul circuito spagnolo del Montmelò.

1013663_10151485541663657_481757689_n

Davide Brivio sarà il Team Manager e Randy De Puniet il pilota incaricato di sviluppare la moto. Altra certezza riguarda il motore, il 1.000 4 cilindri in linea.

Nuove foto spia della futura Suzuki MotoGP 2014

Ben presto i veli e la nebbia che ancora avvolgono il rientro di Suzuki nella MotoGP per il 2014 verranno tolti, dato che la casa giapponese ha reso noto un calendario di cinque sessioni di test del prototipo in Europa, tre dei quali pubblici.

2014-Suzuki-MotoGP-Racing-Prototype_2

Sono molte le novità tecniche ed estetiche che verranno svelate nei test, a riprova che in Suzuki credono molto nel progetto, forti di una volontà di tornare alla competitività nel minor tempo possibile. Alcune foto spia pubblicate da Cycle World durante alcuni test con il collaudatore ed ex pilota Nobuatsu Aoki, rivelano un nuovo sistema di scarico, che passa da una soluzione con doppia marmitta ad una con un solo elemento. Il sound emesso dal 4 cilindri sembrerebbe molto simile a quello della Yamaha M1 di Lorenzo e Rossi.

Il collaudatore Aoki rivela che la nuova moto ha un motore e telaio completamente nuovi, insieme al forcellone ridisegnato.

Per la prossima stagione Suzuki dovrà rientrare nel circo della MotoGP appoggiandosi ad un team satellite esistente. Le voci parlano del team Aspar che avrebbe già accettato di “prestare” Randy De Puniet per le 5 sessioni di test che Suzuki ha in programma dopo giugno. Le voci si rincorrono anche su Davide Brivio che sarebbe stato contattato per guidare il rientro della casa giapponese.

Foto: cycleworld.com

Domande sull’articolo? Contatta la redazione

Suzuki rientra in MotoGP nel 2014

La notizia è praticamente ufficiale: «Nel 2014 Suzuki tornerà in MotoGP, gestita da Davide Brivio».

Suzuki rientra in MotoGP nel 2014

Dopo il ritiro nel 2011 dalla classe regina dei prototipi, arriva ora la tanto attesa notizia del rientro, che Suzuki stava preparando da qualche tempo e per il quale in effetti non aveva mai smesso di lavorare. Ora che, con l’accordo tra Dorna, FIM ed MSMA (Associazione Costruttori Sport Motociclistici), i regolamenti sembrano essere chiari fino al 2016, la decisione del ritorno alle corse in MotoGp è stata presa.

Il rientro si preannuncia agguerrito, nel senso che certamente Suzuki vuole arrivare rapidamente a risultati importanti. A testimonianza di ciò, il team sarà seguito da Davide Brivio, che nel 2004 portò Valentino Rossi su quella M1 che presto è diventata quel mostro di velocità che è oggi.

Speriamo che tutto vada per il meglio, una casa importante come Suzuki non può mancare dalla griglia di partenza di una MotoGP che si rispetti.

Foto: cycleworld.com

Domande sull’articolo? Contatta la redazione